Tempo di lettura: 1 minuti

La classifica dei migliori Provider Hosting secondo Webvista

keliweb-imageKeliWeb rappresenta uno dei provider hosting più affidabili, in forte crescita e di qualità che si sta affermando nel panorama dei giganti Italiani (Aruba, Register, ...).

Visita la scheda tecnica

Visita KeliWeb

netsons-imageNetsons, nato come fornitore di hosting gratuito, vanta più di 10 anni di consolidata crescita nel settore grazie ad un ottimo rapporto qualità prezzo dei propri servizi (forse uno dei migliori).

Visita la scheda tecnica

Visita Netsons

hosting-virtuale-imageHostingVirtuale è leader nei servizi hosting dal 1994, con diversi server di proprietà e soluzioni hosting affidabili e di qualità a prezzi davvero competitivi.

Visita la scheda tecnica

Visita HostingVirtuale

Quale Hosting Scegliere? Difficile a dirsi, ma cominciamo con 10 cose da guardare quando si sceglie un Provider Hosting (aprite il menu a tendina per scoprire la nostra opinione):

1. Banda a disposizione
Illimitata meglio, perché è bello non avere limiti. Ma attenzione perché ciò non significa che esistono limiti tecnici. Formalmente la banda non è limitata, il concetto è diverso. La maggior parte delle soluzioni hosting economiche risiede su server condivisi, ciò significa che la vostra banda sarà in condivisione con altri siti, che potrbbero rubarvi risorse. L’unico modo per accertarsi di avere risorse dedicate è quello di optare per soluzioni server gestite o anche server virtuali (VPS)
2. Spazio Hosting
Da 1 GB in su è già più che sufficiente. 
3. Database
MySQL tutta la vita, se più di uno meglio. 
4. Caselle Email
+10 dovrebbero bastare, se non avete esigenze particolari. 
5. SSL / IP dedicato
Fondamentale per un E-Commerce, superfluo negli altri casi. Su questo tema trovate un interessante articolo che vi spiega le reali esigenze di un IP dedicato.
6. Luogo della webfarm
Meglio Europa, se il sito è focalizzato sul mercato Europeo. Bene anche Stati Uniti se lo scope è mondo, evitare paesi come Cina e India.
7. Tipologia Hosting
Linux nella maggior parte dei casi. Il sistema open è consigliato nella maggior parte dei casi in quanto più facile da configurare e gestire, e soprattutto compatibile con la maggior parte degli script e linguaggi di sviluppo oggi utilizzati.
8. Pannello Hosting
cPanel se possibile! Di gran lunga il più semplice e intuitivo pannello per amministrare il tuo sito web.
9. Tipo di pacchetto Hosting
Condiviso per blog e siti aziendali informativi, dedicati per E-commerce. Per tutto il resto va bene servizi anche semi-dedicati (ovvero con partizione dei servizi). Scegliete provider che vi garantiscano una crescita graduale, che quindi sia possibile fare upgrade durante l’anno senza perdere i soldi già spesi (attenzione che non tutti lo fanno!).
10. Gestione htaccess
Per forza! Soprattutto per una corretta impostazione delle regole SEO è fondamentale poter intervenire direttamente sulle regole htaccess