Numero utenti: chi vince e chi perde tra i Social?

Tempo di lettura: 3 minuti

social-network-contestOggi i social network sono diventati parte integrante della nostra quotidianità, dato che oramai il web ha di fatto inglobato il nostro mondo reale, facendosi luogo di chiacchierate digitali, di shopping online e perfino di lavoro, per chi ha scelto di utilizzarli per dare maggiore visibilità al proprio curriculum e alle proprie competenze. Eppure parliamo di un universo estremamente dinamico: le tendenze cambiano in relazione ai bisogni e alle necessità delle nuove generazioni, sempre più spesso cresciute a pane e web, e dunque alcuni social salgono, altri scendono, ed altri ancora precipitano nell’oblio della rete. E se sei un tipo curioso, sicuramente ti farà piacere conoscere l’evoluzione delle statistiche degli utenti registrati sui social, così a capire quali piattaforme saranno in futuro i nuovi Facebook e Instagram.

Facebook: 12 anni di successi e qualche ruga

Facebook è indubbiamente il social network più anziano della rete: anche se comincia a dimostrare la sua età in fatto di evoluzione di statistiche utenti, nessuno riesce ancora a pareggiare i suoi spaventosi numeri. La piattaforma di Mark Zuckerberg conta infatti su oltre 1 miliardo e mezzo di utenti regolarmente registrati e fidelizzati. Eppure tali dati, se approfonditi, mostrano che qualche crepa si sta effettivamente aprendo: stando alle ultime rilevazioni delle agenzie, il traffico di utenti attivi su Facebook si è ridotto del -53% rispetto a 2 anni fa, ovvero quando il picco di attività sul social ha raggiunto il suo massimo storico. D’altro canto, stando a quanto comunicato dallo stesso Zuckerberg, chi utilizza la piattaforma lo fa per con una media di 50 minuti al giorno, ed una crescita media di circa 10 minuti ogni anno. Nonostante Facebook stia cominciando a mostrare qualche ruga, dunque, la sua posizione di leader nel settore dei social network non è attualmente in discussione.

Instagram e Tumblr: pari merito per il secondo gradino del podio

Al secondo posto della classifica dei social network più utilizzati troviamo un pari merito: Instagram e Tumblr, infatti, possono entrambi contare su una base di utenti registrati che si aggira intorno ai 400 milioni. Trattandosi di due social molti diversi, però, i trend relativi alle statistiche degli utenti attivi sono molto diversi: Tumblr è infatti una via di mezzo tra un social ed un blog, e viene soprattutto utilizzato da utenti che desiderano creare un sito web semplice e funzionale, condividendolo con gli altri utenti che usano la medesima piattaforma per leggere le storie degli altri e per scrivere le proprie. Il discorso su Instagram è invece molto diverso: questa piattaforma ha conosciuto negli anni una crescita davvero importante, per via del suo canale di comunicazione (le fotografie ed i video) e del fatto che è possibile sfruttarla anche per fare pubblicità alle attività commerciali. E non è un caso che, oggi, Instagram sia spesso utilizzato da giovani aziende in procinto di promuovere la propria attività: il 45% di esse, infatti, è rappresentato da start-up, alcune delle quali destinate ad avere grande successo.

SnapChat e la generazione dei Millennials

SnapChat si colloca solo al terzultimo posto della nostra classifica, con una base di utenti attivi corrispondente a circa 200 milioni. Ma ciò che stupisce, è che tale risultato è stato raggiunto velocemente soprattutto negli ultimi 2-3 anni, considerando che si tratta di un social piuttosto giovane (nato nel 2011). Se ti stai chiedendo il motivo di questo successo, ci pensiamo noi a spiegartelo: è semplicemente il social più amato dai Millennials, ovvero da quella generazione nata fra gli anni ’80 ed il 2000, e che oggi rappresenta la fetta di pubblico più ampia dei social network. Tale successo è stato determinato dall’introduzione di un nuovo modo di essere social: al contrario di Facebook e degli altri social media, su SnapChat i messaggi si auto-cancellano dopo pochi minuti, consentendo a chi utilizza questa piattaforma un alto grado di privacy, e ai follower collegati in quel momento la possibilità di cogliere qualcosa (un video, o una foto) che gli altri non potranno invece scoprire. Inoltre, è bene che tu sappia che SnapChat è destinato a diventare il social più utilizzato dagli imprenditori del futuro che, essendo cresciuti nel digitale, stanno sempre più spesso ricercando un nuovo modo di fare marketing e promozione. Dagli adolescenti ai giovani manager, dunque, SnapChat può contare su una base di utenti potenzialmente sconfinata: i Millennials, appunto.

Addio Twitter?

Scegliamo di chiudere con un piccolo paragrafo dedicato a Twitter: il social nato nel 2006, infatti, sta attraversando da anni un calo sempre più massiccio di utenti. Oggi sono “solo” 320 milioni le persone che lo utilizzano: numeri lontani anni luce da Facebook, e pericolosamente vicini al nuovo che avanza. In altre parole, pare proprio che l’uccellino sia destinato a volare sempre più basso in futuro, fino a schiantarsi inesorabilmente per terra.

Inserisci una Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *