I 7 top trend di Marketing Online che domineranno il 2016

Tempo di lettura: 4 minuti

L’industria del marketing online è complessa e volatile, ma anche eccitante per tutti coloro che stanno sempre aggiornati su novità e tendenze.

2016-digital-marketing-trends1

Ogni anno, nuovi hardware, nuovi software, nuove digital companies e nuove preferenze degli utenti dettano una serie di cambiamenti radicali che vengono alternativamente adottati o ignorati dai business in giro per il mondo.

I precursori di tali trend ne fanno un elemento di competizione, esponendosi su nuovi mercati o consolidando la propria reputazione come industry leader, mentre coloro che guardano con riluttanza a tali cambiamenti perdono l’opportunità di difendere la propria posizione.

Il 2016 sembra essere un ottimo anno per il marketing online, e Jayson DeMers, esperto SEO di Forbes, rimescola le carte anticipandoci questi 7 marketing trend:

  1. Dominio degli annunci video. La pubblicità video non è nulla di nuovo, con i canali social come YouTube dedicati ad ospitare miliardi di video e piattaforme media come Facebook e Bing che già offrono servizi per i video. Il 2016 sembra però essere diverso perché Google sta finalmente salendo a bordo del treno della pubblicità tramite video. È un segno che gli utenti stanno diventano più propensi ad accettare video pubblicitari online, e se il trend continua, ci si aspetta ancora più formati video venire fuori in spazi sempre più insoliti e originali. Con la proprietà di YouTube da parte di Google, le opportunità sono virtualmente infinite.
  2. L’indicizzazione delle app porterà ad un’esplosione delle app stesse. Google offre già da un po’ l’indicizzazione delle app, ma dal momento che il mercato sta diventando più complesso, il 2016 sarà l’anno in cui molti webmaster comprenderanno i vantaggi in termini di visibilità online di un’app dedicata. Un sito web ottimizzato per mobile fa miracoli nella giungla dei dispositivi mobile, ma presto le app li sostituiranno. Le app possono avere le stesse funzionalità di un sito web, ma con una user experience ancora più intuitiva, semplice e accessibile. Siamo ancora anni lontani dal giorno in cui le app sostituiranno definitivamente i siti web, ma il 2016 sarà un anno cruciale in quanto entreranno nei piani di sviluppo dei webmaster.
  3. Il mobile dominerà completamente la soluzione desktop. Il 2015 è stato un anno importante per il mobile, non solo perché Google ha annunciato che il traffico mobile ha superato quello desktop in 10 diversi paesi, ma anche perché si è realizzato che l’ultimo aggiornamento dell’algoritmo “Mobilegeddon” di Google non considererà siti non ottimizzati per mobile. Ma apparentemente non è necessario avere un sito web ottimizzato per desktop in aggiunta alla versione mobile: secondo Google un sito web solo mobile senza la corrispondente versione desktop è perfettamente accettato. Questo da solo non è sufficiente a far calare il traffico desktop, ma è chiaro da quale parte della barricata sta Google, stanno investendo sull’aspettativa che il traffico verrà sempre più veicolato tramite mobile, e conseguentemente il business si sposterà ancora più su online marketing in ambito mobile.
  4. Gli assistenti digitali apriranno una nuova era di ottimizzazione. L’ottimizzazione dei siti web (SEO) e la pubblicità pay-per-click (PPC) sono due tra le strategie più popolari per far sì che un sito sia raggiunto da migliaia di visitatori prima sconosciuti. Ma la diffusione di assistenti digitali sta portando ad una nuova fase di ottimizzazione. Gli assistenti digitali come Siri e Cortana utilizzano i motori di ricerca tradizionali, ma solo quando è necessario trovare informazioni. La chiave per ottimizzare con questi nuovi formati è far sì che le informazioni chiave di business siano facilmente accessibili a questi assistenti, piuttosto che dirottare semplicemente persone sul sito in modo diretto.
  5. La realtà virtuale si diffonderà. Esistono dozzine di dispositivi per la realtà virtuale che saranno lanciati nei prossimi anni, alcuni dei quali dedicati ad applicazioni specifiche come i video game, e altre disponibili per usi generici. Oculus Rift, probabilmente il più avanzato device per la realtà avanzata, verrà verosimilmente lanciato nel corso del 2016. Questo come altri device apriranno un nuovo universo di opportunità per la pubblicità online, anche grazie all’integrazione con piattaforme di social media, canali video e addirittura forme di messaggi diretti (Whatsapp, WeChat, …). C’è sempre la possibilità che i device di realtà virtuale saranno una moda temporanea e un fallimento nel medio termine, ma ci sono comunque miliardi di dollari di investimenti pronti per altre scommesse.
  6. La tecnologia da indossare e l’Internet of Things (IoT) aprirà nuove strade. Anche se non a livello della realtà virtuale, i device “smart” indossabili dovrebbero cominciare a guadagnare più interesse nel 2016. Il 2015 è stato all’insegna della scoperta di Apple Watch, Fitbit e Garmin, ma nuovi orologi tecnologici e simili device indossabili dovrebbero evolvere nel corso dei prossimi anni. Questi device cambieranno il panorama del marketing locale, e contribuiranno attivamente a sfumare la differenza tra online marketing e marketing “reale”.
  7. La pubblicità diventerà più cara. La competizione nel mondo dell’online marketing è aumentata drammaticamente nel corso degli ultimi anni. Il 2016 vedrà una spinta ulteriore. Come le leggi base dell’economia suggeriscono, un aumento della domanda è spesso accompagnato da un aumento del prezzo, quindi i nuovi competitor in ambito online marketing spingeranno i prezzi ancora più in alto. Realisticamente la pubblicità online è abbastanza economica, ma l’aumento dei prezzi potrebbe costringere le società più piccole ad uscire dal mercato.

Questi sette trend non sono naturalmente gli unici che emergeranno nei prossimi anni, ma saranno sicuramente tra i più significativi. Non c’ garanzia sul quando e sul come questi trend si manifesteranno, principalmente perché guidati dai consumatori, ma vale sicuramente la pena investire e scommettere su alcuni di questi trend, perché per certo contribuiranno a rafforzare il vostro vantaggio competitivo. Prima partirete, maggior sarà il tempo che avrete a disposizione per aggiustare il tiro e beneficiare della vostra visione strategica di lungo periodo.

Inserisci una Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *